1/36 GLI OCCHI DELLA FEDE
       
     
2/36 ATTRAVERSO L'ORIZZONTE
       
     
3/36 MISTICO PARADISO
       
     
4/36 RITRATTO DI FAMIGLIA
       
     
5/36
       
     
6/36
       
     
7/36
       
     
8/36 LE LUCI DI BUDDHA
       
     
9/36 MEDITAZIONE
       
     
10/36 LA FORZA DELLA NATURA
       
     
11/36 IL VILLAGGIO DORATO
       
     
12/36
       
     
13/36
       
     
14/36 LA VITA DEGLI YAK
       
     
15/36 SOGNI INNOCENTI
       
     
16/36
       
     
17/36 LIBERA DI VIAGGIARE
       
     
18/36
       
     
19/36
       
     
20/36
       
     
21/36
       
     
22/36
       
     
23/36
       
     
24/36
       
     
25/36
       
     
26/36 IL DIPINTO
       
     
27/36
       
     
28/36
       
     
29/36
       
     
30/36
       
     
31/36 TRA ANTICO E MODERNO
       
     
32/36
       
     
33/36
       
     
34/36 IL RITUALE DEL TE'
       
     
35/36 TIMIDA SAGGEZZA
       
     
36/36 LA CASA DI BUDDHA
       
     
1/36 GLI OCCHI DELLA FEDE
       
     
1/36 GLI OCCHI DELLA FEDE

Ritraendo il volto delle persone, se ne documenta una parte di vita, una storia fatta di esperienze leggere e pesanti, senza la necessità di usare parole, ma solo attraverso l'universale linguaggio degli occhi. Sguardi pieni di significati contrastanti, dalla sofferenza alla gioia, dalla paura alla tranquillità, sguardi che sono solo lo specchio di un’anima ben più profonda e nascosta.

2/36 ATTRAVERSO L'ORIZZONTE
       
     
2/36 ATTRAVERSO L'ORIZZONTE

Con le sue sinuose anse, questo corso d’acqua, profondamente amato dai cinesi, taglia i grandi prati per poi scorrere lontano verso un luogo oltre l’orizzonte. Quando il sole non è più alto nel cielo, i verdi prati che lo circondano si illuminano di una luce dorata che incornicia le calme acque del fiume rendendo lo spettacolo ancora più attraente e magico.

3/36 MISTICO PARADISO
       
     
3/36 MISTICO PARADISO

Quando il sole scompare dietro la collina, le strade diventano improvvisamente deserte, le stelle illuminano splendidamente la vallata e le luci delle abitazioni diroccate sulla montagna si accendono come lumini. Il silenzio cala inesorabile e l’unico rumore che avvolge la valle è quello delle bandierine della preghiera che sbattono al vento.

4/36 RITRATTO DI FAMIGLIA
       
     
4/36 RITRATTO DI FAMIGLIA

Mentre le donne lavano, i bambini più grandi si occupano dei greggi, mentre i più piccoli li guardano incuriositi intrattenendosi con giochi improvvisati ricavati da semplicissimi oggetti di tutti i giorni. Piccoli uomini che hanno voglia di imparare e scoprire il mondo, ma non vogliono perdere la loro libertà dell’ambiente in cui vivono.

5/36
       
     
5/36
6/36
       
     
6/36
7/36
       
     
7/36
8/36 LE LUCI DI BUDDHA
       
     
8/36 LE LUCI DI BUDDHA

Circondati dall’oscurità della notte, lontano dalle luci delle città, prima che la luna appaia illuminando fievolmente la vallata basta alzare lo sguardo per ammirare uno spettacolo davvero straordinario: la Via Lattea. Una scia luminosa e biancastra attraversa il cielo notturno proprio sopra uno dei templi di Larung Gar illuminando tutto l’istituto. 

9/36 MEDITAZIONE
       
     
9/36 MEDITAZIONE

Le luci della sala sono soffuse quando il vociare dei monaci viene bruscamente interrotto dal suono delle campane che segnano l’inizio della preghiera. Concentrati e immersi nella loro realtà spirituale liberano la mente e vanno a cercare la propria consapevolezza interiore, raggiungendo una serenità che non potrebbero trovare nel mondo reale.

10/36 LA FORZA DELLA NATURA
       
     
10/36 LA FORZA DELLA NATURA

A due passi dalla capitale, Chengdu, si trova il fiabesco parco naturale di Jiuzhaigou. Meravigliose cascate e laghi di una rara bellezza, acque limpide e cristalline di un azzurro intenso circondate da verdissime montagne, sono il luogo ideale dove rigenerarsi, lontano dalla frenesia e dallo smog della città.

11/36 IL VILLAGGIO DORATO
       
     
11/36 IL VILLAGGIO DORATO

Le vallate sono disseminate da piccoli villaggi con grandi costruzioni in legno, ma la vera grande attrattiva della zona è il monastero di Aba, che dall’alto della collina domina ogni cosa. Non appena il sole sbuca dalla nebbia che circonda il monastero e colpisce i suoi tetti dorati, la valle si colora prendendo vita.

12/36
       
     
12/36
13/36
       
     
13/36
14/36 LA VITA DEGLI YAK
       
     
14/36 LA VITA DEGLI YAK

Il paesaggio è brullo, di una drammaticità che invita al silenzio. Solo il respiro affaticato degli yak e il rumore dei passi dei nomadi rompono la quiete di questa landa sconfinata. E’ qui che vivono i nomadi tibetani, in questo desolato deserto d’erba, circondato da montagne dalle mille sfumature e di una bellezza stupefacente. 

15/36 SOGNI INNOCENTI
       
     
15/36 SOGNI INNOCENTI

Non c’è acqua, non c’è luce e non ci sono i servizi igienici, i letti sono ricavati dalla sovrapposizione di più coperte adagiate direttamente sul terreno. La comodità è discutibile ma addormentarsi cullati dal solo rumore del vento che penetra dalle fessure della tenda non ha prezzo.

16/36
       
     
16/36
17/36 LIBERA DI VIAGGIARE
       
     
17/36 LIBERA DI VIAGGIARE

Non c’è né età né sesso a fare la distinzione, il legame dei nomadi con il proprio cavallo è disarmante. Tradizioni millenarie legate ad antichi stili di vita hanno permesso che il rapporto tra questi uomini e questi animali si sia mantenuto inalterato nel tempo, nonostante i cambiamenti avvenuti nella società.

18/36
       
     
18/36
19/36
       
     
19/36
20/36
       
     
20/36
21/36
       
     
21/36
22/36
       
     
22/36
23/36
       
     
23/36
24/36
       
     
24/36
25/36
       
     
25/36
26/36 IL DIPINTO
       
     
26/36 IL DIPINTO

Affascina la calma e la capacità di farsi abbracciare dalla luce del mattino, di lasciare che il sole che sorge illumini il loro corpo e la loro anima. Capelli rasati, occhi grandi, innocenti o magari rimarcati da rughe vistose, sembra di essere in un gioco di specchi da dove puoi entrare in contatto con differenti dimensioni di vita e differenti culture.

27/36
       
     
27/36
28/36
       
     
28/36
29/36
       
     
29/36
30/36
       
     
30/36
31/36 TRA ANTICO E MODERNO
       
     
31/36 TRA ANTICO E MODERNO

Con il caldo o il freddo, con il sole o con la pioggia, le donne nomadi non hanno modo di scampare ai faticosi viaggi che sono costrette a fare per portare l’acqua a casa e per fare il bucato. Con gerle o mastelli pieni di panni sporchi si recano al fiume più volte al giorno e, scalze, entrano nell’acqua gelida per strofinare i vestiti con modernissimi detersivi. 

32/36
       
     
32/36
33/36
       
     
33/36
34/36 IL RITUALE DEL TE'
       
     
34/36 IL RITUALE DEL TE'

Una tazza di tè al burro di yak, dal sapore pungente e oleoso, rappresenta l’unione familiare, un piccolo spuntino, per i nomadi che si riscaldano davanti ai fuochi alimentati dallo sterco di yak chiacchierando animatamente con una tazza fra le mani.

35/36 TIMIDA SAGGEZZA
       
     
35/36 TIMIDA SAGGEZZA

Enormi pupille in cui perdersi, bastano pochi secondi per essere catturati dalla pacatezza e dalla dolcezza di questi giovani uomini. Uno sguardo intenso, pieno di intelligenza, che in questo caso sembra più appropriato chiamare conoscenza e saggezza, diffonde serenità ed armonia e trasmette una sensazione di pace a chiunque abbia la fortuna di imbattercisi.

36/36 LA CASA DI BUDDHA
       
     
36/36 LA CASA DI BUDDHA

Nel cuore della provincia tibetana del Kham, a 3.700 metri di altezza, in un area quasi inaccessibile tra le montagne, spunta l’Accademia Buddista di Larung Gar. Alla vista di questa distesa di colori e suoni non si può che rimanere d’incanto. Per ogni vicolo si respira un’atmosfera mistica, ovunque si incontrano monaci e monache che pregano e meditano immersi in un clima di pace e serenità, irraggiungibile altrove.